“Anche altre aziende utilizzano i tuoi dati”, ha spiegato Facebook in un post sul blog che spiega come raccoglie informazioni sulle persone e da tutto il web. Facebook punta il dito sugli altri big del web, insomma Facebook punta il dito su Google, Twitter, LinkedIn e altri social. Mal comune mezzo gaudio?

Facebook punta il dito su Twitter, Pinterest, Google e LinkedIn

David Baser, direttore del product management di Facebook, ha scritto: Twitter, Pinterest e LinkedIn hanno tutti pulsanti Mi piace e Condividi per aiutare le persone a condividere cose sui loro servizi. Google ha un servizio di analisi popolare e Amazon, Google e Twitter offrono tutti funzionalità di login. Queste aziende, e molte altre, offrono anche servizi pubblicitari. Infatti, la maggior parte dei siti Web e delle app invia le stesse informazioni a più aziende ogni volta che li visiti.” Descrivendo come Facebook riceve cookie, indirizzo IP e informazioni sul browser degli utenti da altri siti, ha sottolineato che “quando vedi un video di YouTube su un sito che non è YouTube, dici al tuo browser di richiedere il video da YouTube. YouTube poi te lo invia.”

Sembra che Facebook sia stanco di essere un bersaglio, l’unico bersaglio. Le affermazioni del tipo “anche loro” alla fine della descrizione delle pratiche di raccolta dati opache avrebbero potuto cercare di normalizzarne il comportamento, ma sono risultate anche un po’ meschine.

Facebook e la raccolta dei dati di profili fantasma

Il post sul blog non riesce a rispondere a una delle più grandi linee di domande per cui è stato interrogato il CEO di Facebook Mark Zuckerberg al Congresso alcuni giorni fa. A Zuckerberg è stato chiesto dal Rappresentante Ben Lujan se Facebook costruisce “profili ombra” di utenti target degli annunci anche su coloro che non sono utenti diretti.

Facebook: non solo noi raccogliamo dati

Il post in oggetto fa semplicemente notare che “quando visiti un sito o un’app che utilizza i nostri servizi, riceviamo informazioni anche se sei disconnesso o non hai un account Facebook. Questo perché altre app e siti non sanno chi sta usando Facebook. Molte aziende offrono questi tipi di servizi e, come Facebook, ricevono anche informazioni dalle app e dai siti che utilizzano.

Facebook ha molte domande a cui deve di fatto ancora rispondere in merito a questa pratica, dal momento che la maggior parte dei controlli sui dati e sulla privacy sono accessibili solo agli utenti che si sono registrati.

Il doppio standard della privacy dei dati

Lo scandalo Cambridge Analytica è emerso perché Facebook non è in grado di far rispettare le sue politiche che vietano agli sviluppatori di condividere o vendere i dati che estraggono dagli utenti. Tuttavia, non è chiaro se Apple e Google facciano di meglio in questo settore. E mentre Facebook lascia che gli utenti “concedano” i nomi e gli interessi dei loro amici al Dr. Aleksandr Kogan, che li ha concessi a Cambridge Analytica, le app iOS e Android ti chiedono regolarmente di dare loro i numeri di telefono dei tuoi amici, ma ancora la cosa non ha destato reazioni di massa in questo caso.

facebook punta il dito

No Banner to display

Non rimanere indietro, iscriviti ora

Ricevi in tempo reale le notizie del digitale

Iscrizione alla Newsletter

controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy

Grazie! Ora fai parte di Digitalic!