Inrupt, la startup di Tim Berners-Lee per dare alle persone il controllo sui propri dati

L’inventore del world wide web fonda Inrupt una startup la cui missione è aiutare le persone a controllare i propri dati, costruendo l’internet del futuro.

I dati che carichi e condividi su social network, motori di ricerca e altri servizi online vivono sui server di quei provider, il che significa che non hai il controllo su come le aziende li utilizzano. Ma ora, Sir Tim Berners-Lee, che ha inventato il world wide web alla fine degli anni ’80, fonda Inrupt una startup la cui missione è aiutare le persone a controllare i propri dati, costruendo l’internet del futuro.

Come funziona Inrupt e la sua piattaforma Solid

La società si chiama Inrupt e la sua principale offerta è Solid, una piattaforma che consente di decidere come si desidera memorizzare i dati; questo include: contatti, foto, libreria musicale, eventi del calendario, attività di fitness e salute e tutto il resto e controllare l’accesso a tali dati.

I dati personali vengono così archiviati in un Solid POD (Personal Online Data Store), che è essenzialmente un punto sicuro su un server ospitato, o un server fai da te. Si riceve anche un’identità associata a questo POD.

Una volta ordinato, è possibile registrarsi per utilizzare le app nell’ecosistema Solid, attualmente in lavorazione. Potenzialmente, si potrebbe usufruire praticamente di qualsiasi tipo di servizio online che già si utilizza tramite questa piattaforma, come un social network, una casella di posta elettronica e un servizio di musica in streaming e queste app saranno in grado di connettersi al POD personale e leggere o scrivere dati su di esso se si concede l’accesso. In altre parole, si è responsabili del controllo delle API sul proprio POD e i dati non vivono sui server delle aziende.

Advertising

Per ricapitolare, il pericolo delle aziende che memorizzano i dati personali sui loro server è che possono decidere cosa farne. Potrebbero generare profili dettagliati degli utenti in modo da consentire agli inserzionisti di indirizzare specifici gruppi di persone o di estrapolarli per approfondimenti e venderli a terzi. Questi servono come canali di entrate per i fornitori di servizi con cui ci si iscrive e trasformano gli utenti in un obiettivo per le aziende e le organizzazioni che vogliono vendere prodotti e idee.

Quali saranno le app sulla piattaforma Solid?

Ecco un esempio tratto da un articolo di Fast Company, scritto da Katrina Brooker:

… un’idea a cui Berners-Lee sta attualmente lavorando è un modo per creare una versione decentralizzata di Alexa, l’assistente digitale sempre più onnipresente di Amazon. Lo chiama Charlie. A differenza di Alexa, su Charlie le persone avrebbero tutti i loro dati. Ciò significa che potrebbero fidarsi di Charlie per, ad esempio, documenti sanitari, eventi scolastici per bambini o documenti finanziari.

Ciò potrebbe attrarre potenzialmente persone che hanno già trascorso anni della loro vita online e sono preoccupati per la privacy dei dati.

Ci sono, però, molte domande sul fatto che funzionerà o meno e se l’ecosistema di Solid promuoverà app che in realtà vorremmo usare più di quelle che già abbiamo.

Prima di tutto, bisogna chiedersi quale sia la portata dei dati che Berners-Lee si aspetta che le persone conservino nei POD e su come bisognerebbe mantenerli in loco. Spesso, ormai, tutti i contatti vivono nel Cloud, come quello di Google, così come i contenuti delle caselle di posta elettronica multiple. Bisognerà esportare e migrare tutto su un POD in modo da poter utilizzare le app correlate per la gestione dei contatti e l’e-mail sulla piattaforma Solid?

In ogni modo è già possibile creare un POD gratuitamente tramite il sito di Inrupt, e c’è un sistema rudimentale per aggiungere contenuti come contatti, blocchi note ed eventi del calendario, in modo da poter testare le funzioni.

Successivamente, alcuni servizi funzioneranno meglio su larga scala, ma al momento le cose non sono del tutto chiare. Un buon esempio è un servizio di musica in streaming, che richiede non solo un grande investimento monetario per la concessione di milioni di tracce per attirare gli utenti, ma ha anche bisogno di creare profili utente in modo da consigliare i brani in base alle abitudini di ascolto. Questi servizi avranno senso su Solid, dove i provider non hanno la possibilità di archiviare i dati sui clienti?

Allo stesso modo, questi servizi su larga scala hanno senso per il business quando possono far crescere il loro pubblico in modo rapido e sostenibile e questo potrebbe rivelarsi inizialmente un problema.

A questo punto, è difficile dire se Berners-Lee abbia trovato il modo migliore per restituire agli utenti il controllo dei propri dati, ma ciò che è chiaro è che c’è certamente bisogno di questo tipo di pensiero e un modo per sconvolgere i modelli esistenti che si basano così tanto sulle persone che danno via i loro dati.


Inrupt, la startup di Tim Berners-Lee per dare alle persone il controllo sui propri dati - Ultima modifica: 2018-11-03T07:09:59+00:00 da Francesco Marino

Giornalista esperto di tecnologia, da oltre 20 anni si occupa di innovazione, mondo digitale, hardware, software e social. È stato direttore editoriale della rivista scientifica Newton e ha lavorato per 11 anni al Gruppo Sole 24 Ore. È il fondatore e direttore responsabile di Digitalic

Non rimanere indietro, iscriviti ora

Ricevi in tempo reale le notizie del digitale

Iscrizione alla Newsletter

controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy

Grazie! Ora fai parte di Digitalic!