Sperimentazioni di editoria e nuovo giornalismo attraverso le tecnologie, inediti modelli di marketing. Se ne è parlato al Digital Marketing World Forum, a New York.

*di Clara Ramazzotti, corrispondente da New York

Un tempo erano i giornali che fornivano informazioni a tutti noi. Oggi molti di loro si considerano prima di tutto digital media companies, aziende il cui obiettivo è trasformare il rapporto lettore/giornalista e lettore/news, per arrivare primi contro le bufale ed educare alla qualità. Non si può più parlare solo di carta stampata, si pensa a un nuovo modo di fornire informazioni anche su canali meno convenzionali, come permetterebbero Alexa (Amazon) e gli altri voice paths sul mercato, o tramite social network storicamente legati al pubblico più giovane. Son ole frontiere del nuovo giornalismo

Nuovo giornalismo: l’esempio del New York Times e di GQ

“Dobbiamo essere sicuri di trasmettere informazioni sulle piattaforme che le generazioni future useranno, non aspettiamo che siano loro a cercarci, andiamo noi a giocare sul loro terreno” spiega Bryan Davis, Senior Manager del The New York Times, che ha proposto di aprire un account Snapchat del quotidiano pochi mesi fa.

La missione è presidiare tutti i canali esistenti per arrivare alle diverse fasce d’età di lettori, l’opposto di ciò che un Digital Strategist consiglierebbe a un brand. Chiedo a Davis che obiettivo hanno: “Abbiamo notato che grazie a Snapchat raggiungiamo maggiormente il pubblico femminile, quindi ci servirà a capire quali sono i nuovi target del New York Times e agire di conseguenza fornendo notizie utili anche a loro”. Un modo per mantenere la connessione one-to-one con l’audience, andando oltre le notifiche push.

Nuovo Giornalismo Digital Marketing Wold Forum, a New York

Però “bisogna fare i conti con i veri key leaders del marketing: gli influencer, quel genere di persone che pur non conoscendole direttamente, ti danno la sensazione di essere degli amici a cui ti affidi” sostiene Pamela Kaupinen, Executive Director per GQ.

Nella sua qualifica si legge anche “Talent Development”, è lei la persona che scova potenziali ambassador e instagramer per suggerirli ai fashion brand. Così, dal 2012, GQ si è evoluto da magazine maschile a modello di scouting grazie al progetto “GQ Insider”. “Secondo i nostri studi sull’audience, il 92% dei consumer [i lettori della rivista, ndr] comprano da chi non conoscono” conferma Kaupinen.

Esempi di nuovo giornalismo anticonvenzionale

Non è una novità per i brand che la collaborazione con un influencer possa aumentare i profitti, ed è per questo che, forse, sono più lungimiranti scelte disruptive come quelle di MarieClaire che, grazie alla giovanissima Senior Editor, Rosa Heyman, ha prodotto ottimi esempi di nuovo giornalismo digitale e anticonvenzionale.

“Women and Guns”, la ricerca per dar voce alle donne che ha trasformato il giornalismo di MarieClaire

“Women and Guns” è una ricerca in collaborazione con l’università di Harvard per capire cosa ne pensano le donne, da Hillary Clinton a Carly Fiorina, a proposito di armi, in un dibattito dominato da voci esclusivamente maschili. Ed è soprattutto un articolo longform sulla versione digitale del magazine, prima dominato da consigli fashion e tendenze dalle passerelle, che permette un salto in avanti per la brand awareness della rivista.

Ero davvero stufa dell’idea di magazine femminili banali, così ho sfruttato il mio background [una tesi in Women and Gender Studies, ndr] per combattere gli stereotipi più comuni e abusati” spiega Rosa Heyman e aggiunge la sua a proposito della cosidetta “morte del piano editoriale“: “Scrivere un copy sui social è sempre una buona mossa, ma non si ha lo stesso spazio e tempo per sviluppare un’idea davvero creativa, come puoi fare su un sito web. La sfida attuale non è il copy clickbait per ottenere numeri, ma è la capacità di trovare le parti più interessanti di una storia e comunicarle”.

L’esempio di nuovo giornalismo di Reuters

Eppure si può fare un passo ancora più strategico: “Noi forniamo news per i professionisti, oltre 2.500 giornalisti e 500 fotoreporter da tutto il mondo. Siamo a tutti gli effetti una b2b agency” mi spiega Pierpaolo Maniglio, Sr Manager, Strategic Partnerships & Social Media per Reuters.

“Per noi è diventata indispensabile l’AI: con questa tecnologia abbiamo copertura 24/7 e una Smart Publishing Automation. Abbiamo scelto di integrare l’AI in un lavoro redazionale, così da curarlo al 100% e coprire il maggior numero di eventi” e mi rassicura che “non è l’AI a scrivere contenuti, ma rielabora articoli e li trasmette negli orari più adatti, all’audience più coinvolta, ecc. Abbiamo fatto diversi tentativi per arrivare alla situazione attuale, non esiste una formula magica”.
Chi più e chi meno, tutti lavorano verso nuovi modelli di marketing. Occhio però a non dimenticare che i primi a non avere il controllo delle fake news sembrerebbero proprio i social network.

Nuovo Giornalismo Digital Marketing Wold Forum, a New York

Nuovo Giornalismo al Digital Marketing Wold Forum di New York

Nuovo giornalismo: cosa sta cambiando nell’informazione ultima modifica: 2017-12-28T07:22:47+00:00 da Web Digitalic
Depositphoto Agosto 2018

Non rimanere indietro, iscriviti ora

Ricevi in tempo reale le notizie del digitale

Iscrizione alla Newsletter

controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy

Grazie! Ora fai parte di Digitalic!