Social Network

BlueSky, l’alternativa a Twitter di Jack Dorsey: come funziona

BlueSky è l’alternativa a Twitter creata da Jack Dorsey, lo stesso fondatore del social cinguettante, ora nelle mani di Elon Musk.
Da quando il magnate di Tesla e SpaceX ha acquisito Twitter c’è stata una diaspora di utenti, alcuni perché semplicemente non soddisfatti del nuovo vertice, altri per interessi personali e aziendali, si pensi alle case automobilistiche che hanno preferito abbandonare Twitter per non “ingrassare” il loro più temibile concorrente: Elon Musk e quindi Tesla.

L’alternativa a Twitter

Ma, al di là delle motivazioni, i “fuggitivi” si sono presto trovati davanti un bello scoglio: qual è l’alternativa a Twitter. Alcuni si sono catapultati su Mastodon inneggiato come alternativa naturale a Twitter e filosoficamente opposto con la sua struttura decentrata. Pur apprezzando la filosofia “multicentro” molti sono tornati indietro per le difficoltà pratiche nell’utilizzo.

BlueSky l’alternativa a Twitter

BlueSky sembra configurarsi come l’unica reale alternativa a Twitter, un po’ perché nel suo board siede il fondatore di Twitter, ovvero Jack Dorsey, ma anche perché si tratta di un progetto scaturito all’interno di Twitter nel 2019, prima che arrivasse Elon Musk, nato con l’obiettivo di risolvere alcune problematiche riscontrate nel social, per esempio l’eccessiva centralizzazione.

Come funziona BlueSky

Dal punto di vista pratico BlueSky funziona in maniera molto simile a Twitter. Il processo di creazione di un post (che può includere anche foto) è semplificato: si schiaccia semplicemente il pulsante “più”. Alcune funzionalità sono esattamente uguali come cercare e seguire gli utenti, visualizzare i loro post sulla propria Home in ordine cronologico.

BlueSky l’alternativa a Tiwitter che usa APT

Se il funzionamento di BlueSky ricorda molto quello Twitter è completamente diversa la filosofia e la tecnologia.
Alla base del nuovo social c’è il protocollo AT: una nuova base per il social networking che offre ai creatori l’indipendenza dalle piattaforme, agli sviluppatori la libertà di creare e agli utenti una scelta nella loro esperienza, o almeno questa è l’intenzione di fondatori di BlueSky che si pongono “nativamente” come un’alternativa a Twitter.
Quando Bluesky è partito ha deciso di costruire un protocollo che trasformasse le funzioni fondamentali dei social media in un’infrastruttura di base come il web stesso. L’anno scorso il protocollo AT è stato reso open source.

Le nuove funzioni di BlueSky

Ma quali sono le nuove funzioni che il protocollo AT abilita?

  • Nomi di dominio come nomi utente e portabilità dell’account
  • Algoritmo o feed personalizzati per i contenuti
  • Sistemi personalizzabili di moderazione e reputazione

L’app è attualmente solo su invito nel frattempo la società sta terminando alcune parti dell’infrastruttura in particolare il sistema di moderazione. Questo è un tasto molto delicato perché, secondo il pensiero più volte espresso da Jack Dorsey, un social non dovrebbe censurare, dall’altra parte deve garantire sicurezza e serenità alle persone che decidono di utilizzarlo.

Come utenti, si potrà creare un account e utilizzare l’ app Bluesky con poche differenze riconoscibili rispetto all’utilizzo di un’app social tradizionale. Tuttavia, se si decide di voler ospitare il proprio server si può anche farlo. Se l’utente non è soddisfatto del modo in cui vengono mostrati i post o del modo in cui vengono moderati, può cambiare servizio e app di accesso al social senza perdere dati e follower.

I follower sono tuoi

La promessa di BlueSky è che i contenuti e i follower siano davvero dell’utente il quale potrà decidere di portarseli con se su altre app dotate di protocollo AT, un po’ come avviene oggi per le email. Se io ho una newsletter che invio a 20.000 persone, nel caso in cui non sia soddisfatto del servizio offerto da chi invia le mie email posso cambiare fornitore, ma gli utenti sono i miei, posso portare con me gli indirizzi. Lo stesso potrebbe avvenire con i social, secondo BlueSky.

Come iscriversi a BlueSky

Al momento l’app funziona solo ad invito, ma ci si può iscrivere alla lista d’attesa ed essere contattati appena il servizio sarà disponibile su larga scala: https://blueskyweb.xyz/join


BlueSky, l’alternativa a Twitter di Jack Dorsey: come funziona - Ultima modifica: 2023-03-03T15:56:48+00:00 da Francesco Marino

Giornalista esperto di tecnologia, da oltre 20 anni si occupa di innovazione, mondo digitale, hardware, software e social. È stato direttore editoriale della rivista scientifica Newton e ha lavorato per 11 anni al Gruppo Sole 24 Ore. È il fondatore e direttore responsabile di Digitalic

Recent Posts

Google lancia l’intelligenza artificiale per il Made in Italy

Al fine di affiancare le PMI italiane nel loro percorso di innovazione, Google presenta l’AI…

9 ore ago

TD SYNNEX Channel Summit: siate canale, siate folli

Il TD SYNNEX Channel Summit del 16 aprile ha offerto approfondimenti, innovazione tecnologica, sessioni formative…

13 ore ago

Arriva Meta AI: forse l’intelligenza artificiale più potente di tutte

Meta lancia Meta AI, un assistente intelligente integrato nelle sue app per migliorare l'esperienza utente,…

14 ore ago

AI: piccolo è meglio, i vantaggi degli SLM contro gli LLM

Nella sfida dell'AI, la tendenza è che "piccolo è meglio". Mentre i grandi modelli linguistici…

1 settimana ago

Google punta tutto sull’AI generativa: Google Cloud Next 24

Google Cloud Next 24 ha concentrato l'attenzione sull'intelligenza artificiale generativa, sebbene le sfide di adozione…

1 settimana ago

Sicurezza e AI: la visione all’ Ignite On Tour Milano di Palo Alto Networks

All’evento Ignite On Tour Milano si sono svolte discussioni avvincenti su AI e sicurezza, con…

1 settimana ago

Digitalic © MMedia Srl

Via Italia 50, 20900 Monza (MB) - C.F. e Partita IVA: 03339380135

Reg. Trib. Milano n. 409 del 21/7/2011 - ROC n. 21424 del 3/8/2011