A sei ore di treno da Stoccolma, nella città di Helsingborg, in Svezia, c’è una piccola galleria d’arte che ha una missione anomala perché mette in mostra i progetti di design che rappresentano delle catastrofi assolute: e si chiama il Museo di Fallimento (Museum of Failure).

Tra gli esemplari esposti non potevano mancare i Google Glass, ma anche Peek di Twitter, inoltre c’è la penna Bic “per lei”, il profumo dell’Harley-Davidson e anche Newton di Apple, un palmare che risale a quando il logo di Apple era color arcobaleno. Ma sebbene tutti questi flop possano sembrare deprimenti, il museo vuole essere anche un monumento all’innovazione e a tutti gli errori ad essa collegati.

Newton museo del fallimento

Il direttore del museo, Samuel West – un ex psicologo clinico che ha anche un dottorato in innovazione, conseguito presso università svedese di Lund – ritiene che il fallimento sia una componente centrale per arrivare alle nuove tecnologie. Ma è esasperato dal fatto che manchi totalmente una qualsiasi forma di dialogo sul ruolo del fallimento nell’innovazione. West dice che ha partecipato a troppe conferenze in cui il successo era stato l’unico argomento di conversazione: prodotti di successo, servizi di successo e persone di successo. “Sono stufo di tutte queste storie di successo” ha commentato West. “Glorifichiamo tanto successo, ma lo facciamo demonizzando il fallimento. Ma in realtà è proprio dal fallimento che abbiamo la possibilità di imparare”.

Il Museo vanta circa 70 fallimenti diversi tra loro e la maggior parte dei cimeli raccolti sono prodotti, nonostante figurino anche alcuni servizi, come ad esempio il noleggio di dvd da parte di Blockbuster. Un altro fallimento illustre? Il gioco da tavolo Donald Trump.

West ha trascorso più di un anno a fare ricerche in Rete al fine di raccogliere prodotti e servizi. Non proprio tutto è stato etichettato come un fallimento.

Perché il fallimento è così importante per l’innovazione?

West sostiene che ci siano in gioco due elementi della psicologia organizzativa. In primo luogo, c’è la sicurezza psicologica. L’idea di sentirsi abbastanza sicuri di poter commettere errori nell’ambito di un gruppo, come ad esempio porre una domanda stupida o esprimere critiche quando tutti gli altri sono d’accordo, è una parte vitale non solo della creatività, ma anche della collaborazione e dell’innovazione. Ma nel momento in cui tutti tacciono a fronte di un possibile fallimento, si ottengono i disastri come le penne Bic “per lei” o il negozio della Pepsi di Kendall Jenner.

“Se non si è disposti ad affrontare il contenuto emotivo scomodo, tipico del del fallimento, allora sarà impossibile imparare da esso” dice West.

L’altro ruolo importante che il fallimento svolge è quello di consentire la giocosità nel lavoro, che alimenta e nutre la creatività organizzativa. Essere a proprio agio con il fallimento significa non aver paura di rischiare. “Durante un gioco siamo temporaneamente protetti dalle conseguenze reali. Per innovare è necessario sperimentare ed esplorare. E queste attività non offrono risultati prevedibilmente positivi “.

West spera che le persone comuni possano imparare qualcosa dal suo museo: “se persino i giganti tecnologici possono fallire così miseramente, allora possiamo farlo anche noi … e nel momento in cui ciò accade non c’è nulla di male.”

museo fallimento

Cosa possiamo imparare visitando il Museo del Fallimento (in Svezia) ultima modifica: 2017-06-09T11:00:47+00:00 da Web Digitalic
IQ Test WIFI

Non rimanere indietro, iscriviti ora

Ricevi in tempo reale le notizie del digitale

Iscrizione alla Newsletter

controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy

Grazie! Ora fai parte di Digitalic!