Huawei: registrato come “Ark” l’OS per l’Europa?

Nei giorni scorsi Huawei ha registrato alcuni marchi: Ark OS potrebbe essere il nome scelto per la versione europea del suo sistema operativo.

In seguito al cosiddetto “Trump Ban” di metà maggio, Huawei ha registrato diversi marchi che riconducono al papabile nome del suo sistema operativo proprietario.

huawei p30 pro data

È la questione più seguita degli ultimi giorni nel settore, dal momento che con un solo ordine esecutivo la Casa Bianca è riuscita a mettere il bastone tra le ruote alla principale azienda tecnologica cinese, la cui strada fino ad oggi sembrava totalmente spianata.

Già verso la fine dello scorso anno Huawei aveva fatto sapere di essere al lavoro sullo sviluppo di un ecosistema software proprio, che in futuro avrebbe potuto sostituire – oppure affiancare – il più familiare Android a bordo dei suoi dispositivi.

In realtà, si è scoperto che il lavoro sul nuovo sistema operativo di Huawei è un progetto partito da lontano, che inizia nel 2012: il gigante di Shenzhen sin dall’epoca preparava il suo terreno ad un possibile voltafaccia di Google.

Advertising

Nei giorni scorsi è iniziata a circolare la voce relativa all’unica possibile soluzione per Huawei in questo momento, ovvero la scelta di utilizzare un proprio sistema operativo, principale conseguenza del ban del Presidente Trump che ha vietato la libera commercializzazione tra le società americane e alcune compagnie tra cui Huawei stessa.

Costretta da questo veto, Google ha revocato la sua licenza Android al marchio cinese: parliamo del pacchetto Android arricchito da tutti i servizi di Google, tra cui le sue famosissime app.

Huawei, Android e Google: ecco cosa succede

Ecco le prime conseguenze dell’ordine esecutivo emanato dalla Casa Bianca nei confronti di aziende considerate pericolose: così Huawei ha perso la licenza di Android. Sembrava stesse assumendo i contorni di un vero e proprio terremoto nel mondo della tecnologia, quello innescato qualche giorno fa dal Presidente degli Stati Uniti Donald Trump. Triste protagonista della vicenda, ...Leggi tutto

 

In realtà, la versione pubblica di Android può essere usata liberamente, ma è necessario un lavoro certosino aggiuntivo per portare le stesse funzioni o comodità offerte dall’esperienza con Google, alla quale i clienti Huawei sono tanto affezionati.

Huawei Ark OS: il nome della versione europea?

Proprio in questa cornice si inserisce l’ultima scoperta in relazione alla casa fondata da Ren Zhengfei. Lo scorso 24 maggio, infatti, presso l’EUIPO, ovvero l’European Union Intellectual Property Office, sono state depositate da Huawei diverse varianti di un marchio.

La registrazione riporta le voci:

  • Huawei Ark OS
  • Huawei Ark
  • Ark OS

Questo dunque, secondo i più smaliziati, potrebbe essere il nome scelto dalla compagnia per la versione europea del suo sistema operativo, chiamato Hongmeng in Cina.

Sebbene la registrazione di un marchio non porti necessariamente a qualcosa di concreto, il nome e la tempistica fanno riflettere sulla possibilità che Huawei, così come già riportato da Richard Yu, si stia già preparando per la dirittura d’arrivo del suo OS.

Stando a quanto riportato dal capo della divisione consumer di Huawei, il sistema operativo dovrebbe essere lanciato durante il prossimo autunno in Cina, ed entro la primavera del 2020 anche in Europa.

Un’alternativa che, oltre a mantenere a galla l’impero di Huawei, potrebbe addirittura portare maggiori vantaggi nel mercato orientale, soprattutto in quella Cina tanto ostile al re delle ricerche (Google). I più ottimisti colgono potenzialità nella questione paragonando la probabile produzione di hardware e software in casa propria all’esempio della californiana Apple.

Tuttavia, la storia ci insegna che, in un mercato spartito principalmente tra Android e iOS, non è poi così semplice emergere – come Windows Phone e Bada (poi Tizen) sanno bene.


Huawei: registrato come “Ark” l’OS per l’Europa? - Ultima modifica: 2019-05-28T17:56:56+00:00 da Maria Grazia Tecchia

Giornalista, blogger e content editor. Ha realizzato il sogno di coniugare le sue due più grandi passioni: la scrittura e la tecnologia. Esperta di comunicazione online, da anni realizza articoli per il web occupandosi della tecnologia a più livelli.

Skin Fujitsu

Non rimanere indietro, iscriviti ora

Ricevi in tempo reale le notizie del digitale

Iscrizione alla Newsletter

controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy

Grazie! Ora fai parte di Digitalic!