Huawei HarmonyOS, come funziona l’alternativa ad Android

Huawei HarmonyOS è il sistema operativo alternativo ad Android annunciato dal produttore di smartphone che potrebbe perdere il sistema operativo Google

Huawei HarmonyOS, è il nuovo sistema operativo presentato da Huawei, l’alternativa di lungo termine per Android, dopo che Google ha “scaricato” Huawei impedendo l’aggiornamento di Android sui telefonini Huawei in applicazioni ad indicazioni governative.

>
Huawei HarmonyOS

Huawei HarmonyOS, cos’è

Alla conferenza degli sviluppatori Huawei, il CEO del gruppo Consumer Business dell’azienda, Richard Yu, ha sorpreso il pubblico svelando il Huawei HarmonyOS, che secondo lui è più veloce e sicuro di Android. Detto questo, il software si rivolge principalmente ai prodotti IoT (come display intelligenti, dispositivi indossabili, altoparlanti intelligenti e dispositivi di bordo) anziché agli smartphone. Yu afferma che quando Huawei non potrà più accedere all’ecosistema Android di Google, l’azienda potrà implementare HarmonyOS “in qualsiasi momento”. Fino ad allora, Huawei continuerà a supportare Android.

 

Huawei HarmonyOS, come funziona

La presentazione di Yu è stata piuttosto tecnica, ma in poche parole, Huawei HarmonyOS è un sistema operativo distribuito “basato su microkernel a prova di futuro per tutti gli scenari “. La piattaforma è open source ed è in realtà più un concorrente dell’imminente Fuchsia di Google, dato che entrambi sono basati su microkernel e possono essere utilizzati su più tipi di dispositivi contemporaneamente. Nella sua presentazione ha detto che Android non è così efficiente a causa dei suoi codici ridondanti, meccanismi di pianificazione obsoleto e problemi di frammentazione generale. Insomma il Ceo di Huawei ha lanciato delle belle frecciate ad Android.

Huawei HarmonyOS, prestazioni

Oltre ad essere un sistema leggero, Huawei afferma che HarmonyOS offrirà alcuni miglioramenti delle prestazioni. Presenterà un “motore di latenza deterministica” che può allocare meglio le risorse di sistema utilizzando analisi e previsioni in tempo reale. Android, d’altra parte, è bloccato con il meccanismo di programmazione equa meno intelligente del kernel Linux. Huawei HarmonyOS consente anche una “Inter Process Communication” molto veloce – il collegamento tra il suo microkernel e servizi del kernel esterni come file system, reti, driver, app e altro. Huawei afferma che le prestazioni IPC di HarmonyOS sono cinque volte superiori a quelle della Fuchsia di Google e tre volte superiori a quelle di QNX.

I Microkernel e sicurezza

Huawei Harmony OS ha un design basato su microkernel, in questo modo dovrebbe essere più sicuro fin dall’inizio poiché non è disponibile l’accesso root dove si insediano spesso le minacce più pericolose. Il sistema applica anche la verifica formale – una serie di approcci matematici utilizzati in settori critici per la sicurezza – per individuare in modo affidabile le vulnerabilità, mentre è probabile che manchino alcuni metodi tradizionali.

Architettura del sistema operativo Huaweo

Secondo Yu, Huawei HarmonyOS è in lavorazione dal 2017 e la versione che Huawei ha presentato sarà inizialmente destinata ai prodotti come i display intelligenti, tipo il Huawei Vision, che uscirà entro la fine dell’anno. Mentre questa versione racchiude ancora un kernel Linux e il precedente kernel LiteOS di Huawei insieme al proprio microkernel, la versione 2.0, prevista per il 2020, presenterà solo un microkernel HarmonyOS, rendendolo così un vero sistema operativo indipendente il Huawei HarmonyOS. Supporterà inoltre la grafica ad alte prestazioni, al punto che la società spera di installare questo nuovo OS su “PC innovativi”, dispositivi indossabili, unità principali per auto, altoparlanti e occhiali VR.

E gli smartphone?

È chiaro che Huawei ha intenzionalmente evitato di menzionare la parola “smartphone” nella sua presentazione, probabilmente per evitare di turbare i suoi partner come Google, ma Yu non ha avuto paura di ammettere che potrebbe arrivare un momento in cui la sua azienda non sarà più in grado di supportare l’ecosistema Android. Indipendentemente da ciò, gli sviluppatori saranno in grado di trasferire le loro app Android su Huawei HarmonyOS utilizzando il compilatore ARK di Huawei.

Huawei HarmonyOS IDE

Il kit di sviluppo di HarmonyOS supporta già gli smartphone Huawei, incluso il Mate X pieghevole.
Mentre il dirigente ha affermato che Huawei HarmonyOS è pronto ad andare online “in qualsiasi momento”, è difficile dire se tutti i suoi presunti vantaggi basteranno a sviluppatori e utenti, specialmente quelli negli Stati Uniti. Abbiamo visto il tentativo di Samsung di sfidare Android in passato usando Tizen, ma oggi Tizen non è altro che il software che equipaggia i dispositivi indossabili Galaxy. Windows 10 Mobile è ovviamente un altro ottimo esempio, nonostante la sua enfasi su produttività e sicurezza.


Huawei HarmonyOS, come funziona l’alternativa ad Android - Ultima modifica: 2019-08-12T18:17:15+00:00 da Francesco Marino

Giornalista esperto di tecnologia, da oltre 20 anni si occupa di innovazione, mondo digitale, hardware, software e social. È stato direttore editoriale della rivista scientifica Newton e ha lavorato per 11 anni al Gruppo Sole 24 Ore. È il fondatore e direttore responsabile di Digitalic

IQ Test Storage Intelligente