Android P ecco come scaricare l’anteprima per sviluppatori, che è già disponibile.

Per scaricare l’anteprima per sviluppatori di Android P bisogna andare sul sito Get Android P a questo indirizzo.

Poi Cliccare sul pulsante “Get Started” e seguire le istruzioni, sulla pagina  o qui sotto

Prima di effettuare il download considerate che da questa pagina si può scaricare l’immagine di sistema (system image) di Android P per smartphone Pixel, che si può usare per testare le app. Se non sia ha un dispositivo Pixel, bisogna usare l’emulatore Android per testare le app scoprire in anteprima le funzionalità di Android P.

Android P scaricare anteprima

Android P: scaricare l’anteprima per sviluppatori come fare

Per iniziare a testare Android P con un dispositivo Pixel, bisogna fare il download dell’immagine di sistema e scaricala poi sul dispositivo (sullo smartphone Pixel). Quindi leggere la Panoramica del programma (Program Overview) e la guida alla migrazione.

Attenzione: la Developer Preview 1 di Android P è solo per gli sviluppatori di app e non è destinata all’uso quotidiano o al consumatore.

Come ottenere l’anteprima per sviluppatori di Android P

Puoi ottenere un’immagine di sistema Android P per lo sviluppo e il test in questi modi:

– Scaricare un’immagine di sistema di Android P per sviluppatore e installarla sullo Smartphone Pixel

– Configurare un emulatore Android P in Android Studio.

Puoi scaricare l’ultima versione dell’immagine di Sistema Developer Preview e inserirla manualmente sul tuo dispositivo. Guarda la tabella qui sotto per scaricare l’immagine del sistema corretta il tuo dispositivo di test (che deve essere un Pixel). L’aggiornamento manuale di un dispositivo è utile se è necessario un controllo preciso dell’ambiente di test o se è necessario reinstallarlo di frequente, ad esempio per i test automatici.

Attenzione: l’installazione di un’immagine di sistema su un dispositivo rimuove tutti i dati dal dispositivo, quindi è consigliabile eseguire prima il backup dei dati.

Tabella versioni di Android P Developer Preview 1

Device Download Link SHA-256 Checksum
Pixel sailfish-ppp1.180208.014-factory-3e45bada.zip 3e45bada247af4a0aa333060247aa4ea814e18977b5b065042c74f4a14faddd1
Pixel XL marlin-ppp1.180208.014-factory-1ff7eb1c.zip 1ff7eb1cf1ac7a336d9180d47b187af63bb39c1fb7e80627d3f2a3496bc98e2c
Pixel 2 walleye-ppp1.180208.014-factory-bfdceeea.zip bfdceeea0a1aede3e16df7944bc1c73ba5021ce9def3f3ba9593ef3f637f0f56
Pixel 2 XL taimen-ppp1.180208.014-factory-8e44f67a.zip 8e44f67a4d8dee65c5dcb3db1f603cce87ab08c00a5010441c71313daf5ed912

Per scaricare l’anteprima per sviluppatori di Android P

Android P le novità

Come fatto negli ultimi due anni, Google sta rilasciando un’anteprima per sviluppatori della prossima versione di Android. Non conosciamo il nome ufficiale nel nuovo software al di là di Android P. Un’altra cosa che non sappiamo è quanto saranno grandi i cambiamenti rivolti all’utente questa volta, in quanto questa anteprima si concentra principalmente sui cambiamenti che influenzano gli sviluppatori. Di fatto, il vicepresidente dell’ingegneria di Google, Dave Burke, la definisce come “una prima build di base per gli sviluppatori”, quindi non installare questa build sul tuo telefono principale nella speranza che sia utilizzabile su base quotidiana.

Android P e il notch, la tacca sul display

La funzione che probabilmente inciterà più discussioni a riguarda è il supporto integrato per una tacca sul display nella parte superiore dello schermo. (Il termine di Google per questa funzione è “supporto di visualizzazione con ritaglio”). Quelle tacche sono risultate inevitabili sui nuovi telefoni Android al Mobile World Congress il mese scorso, così che il supporto sarà importante almeno fino a quando le aziende non smetteranno di copiare felicemente l’iPhone X di Apple. Nel frattempo gli sviluppatori saranno in grado di testare come le app a schermo intero funzioneranno con le tacche sulla parte superiore.

Android P nuovo look

Un altro cambiamento che gli utenti potrebbero vedere è quello di un aspetto arrotondato agli angoli per il pannello rapido delle impostazioni e il cassetto delle notifiche. Non bisogna però dare per scontato che questa modifica estetica venga mantenuta, in quanto questa è solo un’anteprima e Google ha apportato alcune modifiche all’aspetto delle impostazioni rapide e delle notifiche in altre anteprime precedenti, senza necessariamente mantenerle nei rilasci successivi.

Il nuovo look delle notifiche include anche un nuovo look per le notifiche delle app di messaggistica: saranno in grado di includere le righe recenti della conversazione se si desidera rispondere direttamente all’interno della notifica. È simile al modo in cui iOS gestisce le notifiche di iMessage, ma senza tutta quella confusione. Le app saranno anche in grado di includere “risposte intelligenti” (eventualmente fornite da Google?), immagini e adesivi direttamente nella notifica.

android p

I cambiamenti di Android P più importanti per gli sviluppatori:

• Android P limita l’accesso a microfoni, fotocamera e tutti i sensori SensorManager da app inattive. Se un’app è in background e non è attiva, non sarà in grado di accedere al tuo microfono. Questo è un grosso passo per i teorici della cospirazione di Facebook-ti-sta-ascoltando.

Supporto integrato per più codec video e di immagine, tra cui HDR VP9 Profile 2 e HEIF (heic), con quest’ultimo che porta Android in linea con il funzionamento di iOS. Google promette inoltre ulteriori informazioni “entro la fine dell’anno” su “potenziare e ridefinire le API multimediali per renderle più facili da sviluppare e integrare”.

Un’API multi-camera in modo che un’app per Android possa richiedere individualmente i dati da più di un sensore di videocamera contemporaneamente. Quindi, per i telefoni che hanno due fotocamere sul retro, ci sarà un modo standard per le app di controllarle in modo più granulare.

Supporto per Wi-Fi RTT (Round-Trip-Time), che consente alle app di ottenere dati di posizionamento interni fino a un metro o due. Funziona misurando la distanza da vari punti di accesso Wi-Fi.

android p

Autofill migliore, che dovrebbe rendere più facile per i gestori di password inserire la tua password per te, in modo da non eseguire costantemente un passaggio da app ad app e copia e incolla.

Prestazioni migliorate per ART e app scritte in Kotlin.

Modifiche ai bit che controllano l’efficienza energetica in Android, inclusi Doze, Standby e Limiti di Background. Il Job Scheduler sta anche diventando più intelligente per comprendere meglio lo stato della rete e gestire meglio le di applicazioni.

• Google sta anche avvisando gli sviluppatori che Android P inizierà a lanciare avvertimenti agli utenti quando installano app che “prendono di mira una piattaforma precedente ad Android 4.2”. Fondamentalmente, se non utilizzi un SDK recente per la tua app, Google penserà a farti sentire male facendo in modo che i tuoi utenti non si fidino della tua app.

• Google inizierà anche “un processo graduale per limitare l’accesso a selezionate interfacce non SDK.” Questo un modo per dire che è meglio “utilizzare le API pubbliche che abbiamo creato per Android o forse un giorno la tua app non funzionerà” (non è ovviamente una citazione).

Google ha realizzato anche un video che tratta queste funzionalità dal punto di vista dello sviluppatore e include anche alcuni esempi di codice per dare un’idea di come implementare questa funzionalità nella pratica:

Android P per sviluppatori

Gli sviluppatori con Pixel, Pixel XL, Pixel 2 e Pixel 2 XL possono scaricare e disporre dell’anteprima per gli sviluppatori di Android P sui loro dispositivi già adesso e possono anche installare l’emulatore sul proprio computer. Ma ancora: Google è chiaro nel dire che “questa versione iniziale è solo per gli sviluppatori e non è destinata all’uso quotidiano o al consumatore”, quindi non sorprendetevi se ci sono alcuni bug di arresto spettacolare in questa prima versione.

Android P: come scaricare l’anteprima per sviluppatori ultima modifica: 2018-03-08T16:35:10+00:00 da Web Digitalic

No Banner to display

Non rimanere indietro, iscriviti ora

Ricevi in tempo reale le notizie del digitale

Iscrizione alla Newsletter

controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy

Grazie! Ora fai parte di Digitalic!