Digitalizzazione: Italia ottimista, ma il livello è ancora basso

Il 78% della popolazione vede nella digitalizzazione soprattutto effetti positivi e il 72% è ottimista anche in relazione alla propria professione

Il 78% della popolazione vede nella digitalizzazione soprattutto effetti positivi e il 72% dei lavoratori è ottimista anche in relazione alla propria professione

I dati confermano un’accelerazione negli investimenti nell’ultimo triennio, soprattutto nell’area della sicurezza informatica (45%) e delle applicazioni web e mobili (28%). Ciononostante, il livello di digitalizzazione delle aziende è ancora basso o molto basso. Soprattutto tra le imprese di piccole dimensioni (89%), mentre cresce significativamente nelle grandi (il 48% ha un livello di digitalizzazione alto o molto alto). Sono i numeri presentati da EY Ipsos, rappresentativi di un sondaggio che ha coinvolto 900 italiani tra i 16 e 70 anni.

La digitalizzazione non è un rischio

In generale, la trasformazione digitale delle imprese non viene percepita come un rischio. Importante anche l’andamento della spesa in piattaforme cloud (circa il 6-7% sul totale spese Ict), che è pari al doppio della media dell’Ue. Particolarmente pronunciata la crescita dei progetti di trasformazione nelle regioni ad alta vocazione industriale (Nord Est, Lombardia, Emilia-Romagna): 42% contro il 38% del resto d’Italia. Emerge inoltre che due persone su tre nel 2017 hanno utilizzato la rete e quasi una su due naviga tutti i giorni. Ma tre famiglie su dieci sono ancora senza una connessione web. Rispetto alla media europea l’Italia risulta in ritardo, con il 69% degli italiani che accedono a internet contro l’81% registrato negli altri paesi Ue. Il 47% delle imprese ha fiducia in un andamento positivo dell’economia nei prossimi 12 mesi.

Digitalizzazione: investimenti e skill

Molte organizzazioni hanno pianificato investimenti infrastrutturali che creeranno occupazione e richiederanno nuove competenze, in particolare nei settori Knowledge Sharing Platform & Network (53%), Cloud (44%), Internet of Things (35%) e 5G (18%).

La ricerca evidenzia inoltre un divario tra le skill necessarie alla digitalizzazione e quelle realmente presenti in azienda: solo il 35% delle imprese intervistate considera le competenze tecnologiche disponibili adeguate alle proprie necessità. Il gap appare particolarmente rilevante nel settore manifatturiero: oltre il 50% dichiara di non avere in azienda le necessarie professionalità tecnologiche e sociali, quali comunicazione, negoziazione, teamwork e leadership. Circa un’azienda su tre lamenta anche un’insufficienza di formazione negli ambiti Data Management, Social Media Management e Digital Marketing. Nonostante il 63% delle aziende collabori con le maggiori Università, solo il 30% ha al suo interno un’academy per la formazione del personale.

Digitalizzazione

Gli investimenti delle aziende italiane in digitalizzazione


Digitalizzazione: Italia ottimista, ma il livello è ancora basso - Ultima modifica: 2019-01-29T07:54:30+00:00 da Francesco Marino

Giornalista esperto di tecnologia, da oltre 20 anni si occupa di innovazione, mondo digitale, hardware, software e social. È stato direttore editoriale della rivista scientifica Newton e ha lavorato per 11 anni al Gruppo Sole 24 Ore. È il fondatore e direttore responsabile di Digitalic

IQ Test Storage Intelligente

Non rimanere indietro, iscriviti ora

Ricevi in tempo reale le notizie del digitale

Iscrizione alla Newsletter

controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy

Grazie! Ora fai parte di Digitalic!