Facebook ha consentito a Netflix e Spotify di vedere i messaggi privati degli utenti

Facebook avrebbe fornito accesso ai mesaggi privati degli utenti ad oltre 150 aziende, tra cui Microsoft, Netflix, Spotify, Amazon e Yahoo. Nuovo scandalo

Facebook ha consentito a Netflix, Spotify e altri di leggere ed eliminare i messaggi privati degli utenti. Il social network ha anche permesso al motore di ricerca di Microsoft Bing di vedere i nomi di quasi tutti gli amici degli utenti senza il loro consenso. Nello specifico, Facebook avrebbe fornito a oltre 150 aziende, tra cui Microsoft, Netflix, Spotify, Amazon e Yahoo, un accesso ai dati personali degli utenti senza precedenti, secondo un rapporto del New York Times.

Facebook ha consentito a Netflix e Spotify di vedere i messaggi privati

Il Times ha ottenuto centinaia di pagine di documenti di Facebook che sono stati generati nel 2017. Dimostrano che il social network considerava queste realtà partner commerciali dell’azienda e le ha effettivamente esentate dal rispetto delle sue regole sulla privacy.

Facebook ha permesso al motore di ricerca di Microsoft Bing di vedere i nomi di quasi tutti gli amici degli utenti senza il loro consenso. Ha consentito a Spotify, Netflix e Royal Bank of Canada di leggere, scrivere ed eliminare i messaggi privati degli utenti e vedere i partecipanti su un thread. Ha consentito ad Amazon di ottenere i nomi degli utenti e le informazioni sui contatti attraverso i loro amici. Ha consentito a Yahoo di visualizzare i flussi dei post degli amici “recentemente, anche quest’estate”, nonostante abbia affermato pubblicamente di aver smesso di condividere tali informazioni un anno fa. Collettivamente, le applicazioni realizzate da queste aziende tecnologiche hanno scandagliato i dati di centinaia di milioni di persone al mese.

Perché Facebook ha consentito l’accesso ai messaggi privati

Un portavoce di Facebook ha recentemente spiegato che il gigante dei social media ha stretto diversi tipi di partnership con le principali aziende di tecnologia e media per motivi specifici. Apple, Amazon, Yahoo e Microsoft, ad esempio, sono stati riconosciuti conosciuti come “partner d’integrazione” e Facebook li ha aiutati a creare versioni dell’app “per i propri dispositivi e sistemi operativi”, ha affermato il portavoce.

Facebook ha stretto la sua prima partnership intorno al 2009/2010, quando l’azienda era ancora un nascente social network. Ma molte di queste partnership risultavano ancora attive nel 2017, in base a quanto dichiarato da un portavoce. Il Times ha riferito che alcuni di questi legami erano ancora in essere quest’anno.

Intorno al 2010, Facebook ha collaborato con Spotify, Bank of Canada e Netflix: una volta effettuato l’accesso e collegato il proprio profilo Facebook con questi account, queste aziende hanno avuto accesso ai messaggi privati di tali utenti. Il portavoce ha confermato che probabilmente ci sono altre società che hanno goduto di questo accesso privilegiato, ma ha sottolineato che questi altri partner sono stati rimossi nel 2015 e “al momento non ci sono prove di abuso di dati”.

Altre aziende, come Bing e Pandora, erano in grado di vedere le informazioni pubbliche degli utenti, come i loro elenchi di amici e quali tipi di canzoni e film piacessero loro.

Un portavoce ha sottolineato che Facebook dispone di un “robusto processo di analisi” e molti “controlli e contromisure per assicurarsi che i partner non abusino dei dati” degli utenti.

I registri mostrano anche che il colosso russo Yandex, accusato lo scorso anno dal servizio di sicurezza ucraino per aver fornito dati agli utenti del Cremlino, ha avuto accesso agli ID utente unici di Facebook nel 2017. Un portavoce di Yandex ha dichiarato al Times che l’azienda non era a conoscenza del accesso ai dati utente forniti da Facebook. Yandex non fiornito ulteriori commenti.

La risposta di Facebook sulla questione dei messaggi provati

In risposta al rapporto, Steve Satterfield, direttore della privacy e delle policy pubbliche di Facebook ha difeso le azioni del social network.

“I partner di Facebook non ignorano le impostazioni sulla privacy degli utenti ed è sbagliato alludere all’ipotesi che lo facciano”, ha affermato. “Nel corso degli anni, abbiamo stretto una partnership con altre aziende in modo che gli utenti possano usare Facebook su dispositivi e piattaforme che non supportiamo direttamente. A differenza del gaming, dei servizio di streaming musicale o di altre app di terze parti, che offrono esperienze indipendenti da Facebook, questi partner possono offrire solo funzionalità specifiche di Facebook e non sono in grado di utilizzare le informazioni per scopi indipendenti.”

Sappiamo che abbiamo del lavoro da fare per riguadagnare la fiducia delle persone. Proteggere le informazioni delle persone richiede team più forti, una tecnologia migliore e politiche più chiare e questo è il punto su cui ci siamo concentrati per la maggior parte del 2018. Le partnership sono un’area di attenzione e, come abbiamo detto, stiamo riducendo le partnership d’integrazione che sono state creati per aiutare le persone ad accedere a Facebook”.

Le risposte delle aziende che avrebbero avuto accesso ai messaggi

Un portavoce di Amazon ha rilasciato la seguente dichiarazione: “Amazon utilizza le API fornite da Facebook per abilitare le esperienze di Facebook per i nostri prodotti, ad esempio, offrendo ai clienti la possibilità di sincronizzare i contatti di Facebook su un tablet Amazon. Utilizziamo le informazioni solo in conformità con la nostra politica sulla privacy”.

Microsoft ha affermato che ha concluso il suo contratto con Facebook nel febbraio 2016 e che i dati hanno cessato di apparire nei risultati di ricerca. “Durante tutto il nostro impegno con Facebook, abbiamo rispettato tutte le preferenze dell’utente”, ha dichiarato un portavoce di Microsoft.

Un portavoce di Netflix ha rilasciato la seguente dichiarazione: “nel corso degli anni abbiamo provato vari modi per rendere Netflix più social; un esempio di questo era una funzionalità lanciata nel 2014 che permetteva ai membri di raccomandare programmi TV e film ai loro amici di Facebook tramite Messenger o Netflix. Non è mai stato così popolare, quindi abbiamo chiuso questa funzione nel 2015. In nessun momento abbiamo avuto accesso ai messaggi privati degli utenti su Facebook, né chiesto la possibilità di farlo.”

Yahoo e Spotify non hanno ancora rilasciato commenti in merito alla notizia.

L’ennesimo scandalo relativo a privacy e dati

Facebook è stata scossa dagli scandali relativi alla privacy di quest’anno; la settimana scorsa l’azienda ha dichiarato di aver trovato un difetto nella sicurezza che ha esposto le foto pubbliche e private di 6,8 milioni di utenti sulla sua piattaforma agli sviluppatori; a settembre, l’azienda ha, inoltre, riferito di una violazione che ha esposto le email e i numeri di telefono, nonché informazioni sul profilo, quali sesso, data di nascita, posizione e cronologia delle ricerche recenti di 30 milioni di utenti. All’inizio di quest’anno, com’è noto, l’azienda è stata messa sotto accusa dopo che la società di analisi dei dati britannica Cambridge Analytica ha ottenuto i dati personali di circa 87 milioni di utenti di Facebook senza il loro consenso.

In un post sul blog in risposta allo scandalo Cambridge Analytica a marzo, il CEO di Facebook Mark Zuckerberg aveva scritto: “abbiamo la responsabilità di proteggere i vostri dati e, se non riuscissimo, non meriteremmo di essere al vostro servizio”.

accesso ai dati violazioni di dati FACEBOOK interferenze elettorali


Facebook ha consentito a Netflix e Spotify di vedere i messaggi privati degli utenti - Ultima modifica: 2018-12-20T07:25:10+00:00 da Web Digitalic
IQ Test reti aziendali

Non rimanere indietro, iscriviti ora

Ricevi in tempo reale le notizie del digitale

Iscrizione alla Newsletter

controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy

Grazie! Ora fai parte di Digitalic!