I taxi volanti di Airbus e Uber potrebbero dover affrontare una nuova concorrente, anche se non del tutto inaspettata. Dopo Audi, anche Rolls-Royce ha presentato il concept EVTOL (Electric Vertical Take Off and Landing) che può trasportare da quattro a cinque passeggeri praticamente in qualsiasi punto di atterraggio abbastanza grande grazie a delle ali che possono ruotare di 90 gradi. Non sarebbe puramente elettrico, nonostante il nome (le turbine a gas produrrebbero i 500kW di potenza necessaria per sei eliche), ma sarebbe silenzioso durante il trasporto di persone fino a una distanza di 500 miglia a una velocità massima di circa 400 km all’ora. Le sue eliche si potrebbero anche piegare, una volta raggiunta l’altitudine di crociera, per evitare di infastidire i passeggeri o le persone sottostanti.

Rolls-Royce taxi volante

Ecco come sarà il taxi volante di Roll-Royce a propulsione ibrida

Il taxi volante Rolls-Royce a propulsione ibrida

L’approccio del propulsore ibrido potrebbe non essere il più rispettoso dell’ambiente, ma Rolls-Royce intende utilizzarlo per il vantaggi in termini di autonomia d percorrenza e tempo necessario alla ricarica. Con una batteria per l’accumulo di energia, sarebbe necessario solo alimentare la turbina per ritornare in aria. Questo aspetto è potenzialmente importante per eventuali servizi per pendolari che potrebbero richiedere tempi di decollo misurati in minuti anziché in ore. Insomma l’ibrido rende utilizzabile il taxi drone in diverse situazioni e anche in contesti operativi professionali.

Taxi volante Rolls-Royce , il design

Il design è incentrato sulla “mobilità aerea personale” per le città congestionate e potrebbe essere utilizzato sia per taxi volanti che per il trasporto privato dei più ricchi (si parla di Rolls-Royce , dopo tutto). Tuttavia, è un concept abbastanza flessibile da consentire all’azienda di posizionarlo in maniera utile anche come cargo e per fini militari.

Al momento non c’è nulla da vedere, oltre ai render 3D, e Rolls-Royce non ha elencato alcun potenziale cliente. Tuttavia, è plausibile che non bisognerà aspettare troppo a lungo per vederlo in azione. L’azienda ha sottolineato che il cecept EVTOL si basa su una tecnologia già esistente, o in fase di sviluppo intermedia, che gli consentirà di volare nei primi “anni ‘20”.

L’approccio su scala ridotta di Airbus potrebbe essere più efficace per le aree urbane più dense e Uber ha dalla sua parte pesi massimi aerospaziali, come Bell ed Embraer. La Rolls-Royce dovrebbe essere molto convincente con i partner e con i suoi pitch per poter effettivamente rendere il progetto realtà in tempi brevi in maniera economicamente sostenibile.

Il taxi volante di Rolls-Royce a propulsione ibrida ultima modifica: 2018-07-17T06:22:24+00:00 da Web Digitalic
IQ Test reti aziendali

Non rimanere indietro, iscriviti ora

Ricevi in tempo reale le notizie del digitale

Iscrizione alla Newsletter

controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy

Grazie! Ora fai parte di Digitalic!