L’ex vicepresidente del News Feed di Facebook e vicepresidente di prodotto di Instagram, Adam Mosseri , è stato nominato nuovo responsabile di Instagram. La nomina arriva in seguito alle dimissioni dei fondatori Kevin Systrom e Mike Krieger la scorsa settimana.

Instagram: Adam Mosseri prende il posto dei fondatori

“Siamo entusiasti di consegnare le redini a un leader di prodotto con un forte background di progettazione e focus sulla realizzazione pratica e la semplicità, al pari di una profonda comprensione dell’importanza della comunità”, hanno scritto i fondatori. “Questi sono i valori e i principi che sono stati essenziali per noi in Instagram dal giorno in cui abbiamo iniziato, e siamo entusiasti che Adam li possa portare avanti”.

Systrom recluterà un nuovo team esecutivo, inclusi i responsabili dei prodotti, delle operazioni e dello sviluppo, per sostituire se stesso, il COO di Instagram Marne Levine, che è tornato a condurre le partnership di Facebook il mese scorso, e il leader dello sviluppo James Everingham, che si è trasferito al team blockchain di Facebook a maggio prima di terminare il suo lavoro su Instagram a luglio. Il product director di Instagram, Robby Stein è un forte candidato per la posizione di leadership sul prodotto, poiché supervisiona Storie, Feed, Live, messaggistica diretta, fotocamera e profilo.

I fondatori di Instagram hanno annunciato la scorsa settimana che stavano lasciando l’azienda ormai di Facebook dopo che, a sentire le voci in merito, i due avevano affrontato la diminuzione dell’autonomia da Facebook e le crescenti tensioni con il suo CEO Mark Zuckerberg. La foto che li ritrae sorridenti con Adam Mosseri sembra voler mostrare che la pace è tornata a Instaland, a contrastare lacrescente percezione che Facebook abbia infranto le promesse a suo tempo fate ai fondatori acquisiti.

Chi è il nuovo capo di Instagram Adam Mosseri

L’esperienza di Adam Mosseri nel gestire le conseguenze involontarie del News Feed, come ad esempio le fake news sulla scia delle elezioni del 2016, potrebbe aiutarlo a prevedere come la crescita di Instagram influenzerà la cultura, la politica e il benessere degli utenti. Mosseri ha fino ad ora dimostrato di rendersi conto che Facebook e la sua famiglia di app possono avere un impatto positivo nel mondo, ma sono consapevoli del duro lavoro e delle complesse scelte richieste per evitare che vengano utilizzate in modo improprio.

Adam Mosseri

Adam Mosseri nuovo capo di Instagram

Chi è Adam Mosseri

Nato e cresciuto a New York, Adam Mosseri ha avviato la propria attività di consulenza di design mentre frequentava la Gallatin School of Interdisciplinary Study della NYU per imparare la progettazione di media e informazioni. Mosseri è entrato in Facebook nel 2008 dopo aver lavorato brevemente ad una startup chiamata TokBox. Impegnato nell’aiutare Facebook ad abbracciare il mobile come design director, da allora è diventato parte della cerchia ristretta di amici e responsabili di Zuckerberg. In seguito, Mosseri è passato alla gestione dei prodotti e ha supervisionato il News Feed di Facebook, trasformandolo nella tecnologia sociale più popolare al mondo e il driver di miliardi di profitti dalla pubblicità. Tuttavia, tra i suoi successi, Mosseri ha anche supervisionato Facebook Home, il sistema operativo mobile noto per l suo flop, ed è stato di fatto l’ufficiale in servizio quando le fake news e gli attacchi durante le elezioni americane sono proliferati.

La storia di Adam Mosseri, fino alla direzione di Instagram

Dopo essere stato in congedo parentale quest’anno, Mosseri è tornato a prendere il posto di Instagram VP di Prodotto, mentre Kevin Weil si è trasferito al team blockchain di Facebook. Voci suggeriscono abbia avuto anche un buon rapporto con Systrom. Mosseri ora vive a San Francisco, abbastanza vicino per lavorare sia nell’ufficio di Instagram che nel quartier generale di South Bay. Egli riferirà al responsabile di prodotto di Facebook Chris Cox, come già faceva in Facebook. Cox ha scritto.

“L’impatto del loro lavoro negli ultimi otto anni è stato incredibile. Hanno creato un prodotto che la gente ama e che porta gioia e connessione a così tante vite”, ha scritto Mosseri parlando dei fondatori di Instagram in un post sulla piattaforma, “sono frastornato ed entusiasta dell’opportunità di guidare ora il team di Instagram. Voglio ringraziarli per avermi dato fiducia nel permettermi di portare avanti i valori che essi hanno stabilito. Farò del mio meglio per rendere orgogliosi loro, la squadra e la community di Instagram.”

Quali sfide attendono Adam Mosseri

Mosseri avrà il compito di bilanciare le esigenze di Instagram, come l’organico, le risorse di sviluppo e la crescita, con le priorità della sua casa madre Facebook, come la promozione rivolta al pubblico più giovane di Instagram e le entrate per contribuire agli utili della società. Alcuni ritengono che Mosseri sia più in sintonia con i desideri di Facebook rispetto ai fondatori di Instagram, dato il suo lungo periodo presso la casa madre e il suo stretto rapporto con Zuckerberg. È interessante notare che Zuckerberg non è stato menzionato o raffigurato nell’annuncio di transizione e non ha pubblicato nulla che si congratuli con Mosseri come è comune nella cultura dei dipendenti di Facebook. Zuckerberg potrebbe cercare di ridurre l’apparente ruolo di burattinaio che interpreta e, in effetti, permettere a Instagram di funzionare indipendentemente.

Cosa succederà ora a Instagram

La domanda ora è se gli utenti vedranno più notifiche e collegamenti che rimandano a Facebook o più annunci nelle Storie e nel feed. Le Storie di Instagram adesso dispongono di 400 milioni di utenti giornalieri rispetto ai 150 milioni di utenti di Storie su Facebook e legarli più da vicino potrebbe vedere un maggior flusso di contenuti in Facebook, ma potrebbe anche indurre gli utenti a dubitare del nuovo approccio adottato dalle piattaforme nella correlazione fra pubblico diverso a cui si rivolgono nelle due piattaforme.

La più pressante responsabilità di Adam Mosseri sarà rassicurare gli utenti sul fatto che la cultura di Instagram e della sua app non saranno assimilate a Facebook ora che sta gestendo le cose al posto dei fondatori originari. Egli avrà anche bisogno di entrare in azione per proteggere Instagram dall’essere usato come pedina per interferenze elettorali nel periodo precedente al mid-term americano del 2018.

No Banner to display

Non rimanere indietro, iscriviti ora

Ricevi in tempo reale le notizie del digitale

Iscrizione alla Newsletter

controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy

Grazie! Ora fai parte di Digitalic!