Kit Lego Spike Prime, il Lego che insegna la programmazione ai bambini

Gli ambiti STEM hanno un po’ di problemi d’immagine: nonostante gli sforzi per rendere le tematiche colorate e amichevoli, rivestono ancora un alone intimidatorio per molti studenti.

I Kit Lego Spike Prime sono dei nuovi Lego nati per avvicinare le bambine e i bambini alla programmazione attraverso il gioco e danno anche la possibilità agli insegnati di seguire il percorso degli allievi nel mondo della programmazione hardware e software.

Kit Lego Spike Prime a cosa serve

Si spera che il nuovo programma manterrà i bambini interessati alle tematiche STEM molto più a lungo. A volte, quando i genitori insistono con kit elettronici senza alcun aiuto e gli insegnanti cercano di spingere i più giovani verso l’apprendimento della programmazione, in quanto fondamentale per le loro prospettive di carriera, alcuni ragazzini finiscono con rifiutare del tutto tali tematiche. Ora, però, Lego Education tenta la strada di avvicinare ludicamente i giovani alle carriere STEM con l’apprendimento tramite un un kit da circa €300, Spike Prime, finalizzato all’alfabetizzazione per la programmazione e al superamento del problema di poca fiducia in sé stessi in merito al tema, che allontana molti ragazzi dai percorsi STEM, prima ancora che raggiungano la scuola superiore.

kit Lego Spike Prime

Invece di indirizzare gli studenti verso progetti troppo complessi, Spike Prime riguarda la conoscenza di base e la praticità. Come afferma Esben Stærk Jørgensen, presidente di Lego Education, durante un evento stampa a New York, con Spike Prime non si tratta di imparare a programmare tanto quanto programmare per imparare.

In questo senso, i 33 progetti iniziali che i bambini possono intraprendere si concentrano su questioni pratiche. C’è anche un robot che danza la breakdance e c’è un’intera sezione chiamata “Life Hacks” che presenta progetti diversi, come un robot che interagisce col meteo in un dato luogo, mostrando quando piove e ulteriori.

Lego Spike Prime com’è

Lego Spike Prime ha una componente software e una hardware; mentre gli insegnanti seguono i piani di lezione forniti dal sito di Lego Education, i bambini ricevono i kit e il software di codifica su un computer o tablet. All’interno di ogni kit c’è un “hub” per controllare le creazioni. Le porte sono chiaramente etichettate e il tutto viene ricaricato tramite USB.

Poi ci sono i pezzi: più di 500 nel set iniziale. Si tratta di un mix di blocchi Lego standard e componenti Technic, con 11 nuovi elementi specificamente progettati e realizzati per Spike Prime per collegare i due sistemi, che normalmente non sono compatibili. Non ci sono molti fili: si tratta davvero di costruire qualcosa con i pezzi con cui gli studenti potrebbero già avere familiarità. Essi possono anche portare più pezzi da aggiungere alle loro creazioni man mano che le abilità si sviluppano.
L’interfaccia utente ricorda molto altri software di programmazione per bambini, che suddividono diverse funzioni in blocchi colorati che possono essere cliccati e trascinati in ordine di operazioni e quali parti devono controllare.

Il software non è troppo difficile da capire: ogni blocco è scritto in un linguaggio relativamente semplice, con campi che i bambini possono facilmente personalizzare. È così facile da utilizzare, che il primo progetto può essere fatto in un minuto o due: il blocco di controllo ha una griglia di LED su di esso che può essere programmata per visualizzare semplici immagini o caratteri alfanumerici, quindi ai bambini viene chiesto di creare un’emoji su di esso. Invece di, ad esempio, specificando le coordinate della griglia per ogni luce, i bambini possono disegnare il volto che vogliono vedere sul blocco di programmazione stesso e scegliere per quanto tempo vogliono che venga visualizzato. Risultati veloci come questi sono buoni per costruire la fiducia nel bambino, che gradualmente può apprendere a portare avanti progetti più lunghi e prendere confidenza con le tematiche legate alla programmazione e al codice.

Lego Spike Prime kit, come si impara la programmazione

L’intero sistema è basato sul linguaggio di programmazione grafica Scratch, quindi ai bambini non viene chiesto di imparare codice specifico. Anche la ricerca meteo è pre-programmata nell’app Spike Prime, estraendo automaticamente i dati da un sito web norvegese. Tutti i bambini devono digitare manualmente per quale posizione vogliono ottenere le condizioni meteo. L’intero sistema riguarda l’insegnamento di concetti e la risoluzione di problemi che possono essere utilizzati in ogni aspetto della vita quotidiana dei bambini.

Esiste anche un’intera categoria “inventori” dedicata all’insegnamento del “problem-solving” che richiede ai bambini di costruire progetti che sono stati interrotti in modo da poter quindi risolvere il problema relativo al progetto iniziale.

Non dimentichiamo che Prime è un prodotto educativo e non di consumo, quindi molti dei suoi processi sono rivolti agli insegnanti che si occupano di un’intera classe di bambini. I disegni dei robot sono pensati per essere costruiti in sezioni in modo che più bambini possano costruirli allo stesso tempo, il che insegna anche abilità come la delega e la collaborazione. Non esiste un sistema di accesso o account per mantenerlo conforme alla privacy, quindi gli insegnanti dovranno effettuare il check-in con ogni bambino di persona durante la lezione.

Spike Prime colma anche il divario tra la linea WeDo di Lego Education e le Mindstorm più conosciute. Ora c’è un prodotto educativo per ogni gruppo dalla scuola materna all’università, ma Spike Prime potrebbe essere il più importante della linea perché è mirato all’età fra i 10 e i 13 anni, in cui la maggior parte dei bambini perde interesse alle tematiche STEM.

Ogni kit può servire a un gruppo di quattro studenti, il che lo rende più conveniente rispetto a Mindstorm o WeDo, che sono utili solo due bambini alla volta. Allestire una classe completa di 30 adolescenti con Mindstorm può costare a una scuola quasi €7.000, mentre Spike Prime fa scendere il prezzo medio sotto i €2.000. I kit sono disponibili per la prenotazione tramite il sito web di Lego Education.


Kit Lego Spike Prime, il Lego che insegna la programmazione ai bambini - Ultima modifica: 2019-04-09T11:06:37+00:00 da Francesco Marino

Giornalista esperto di tecnologia, da oltre 20 anni si occupa di innovazione, mondo digitale, hardware, software e social. È stato direttore editoriale della rivista scientifica Newton e ha lavorato per 11 anni al Gruppo Sole 24 Ore. È il fondatore e direttore responsabile di Digitalic

IQ Test Storage Intelligente

Non rimanere indietro, iscriviti ora

Ricevi in tempo reale le notizie del digitale

Iscrizione alla Newsletter

controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy

Grazie! Ora fai parte di Digitalic!