Google lancia Android Q Beta 1, download e funzioni

Google ha lanciato la Beta 1 di Android Q, disponibile per il download ora su www.google.com/android/beta. Scopri tutte le nuove funzionalità.

La prima beta di Google Android Q include un’anteprima SDK per sviluppatori con immagini di sistema per:

  • Pixel
  • Pixel XL
  • Pixel 2
  • Pixel 2 XL
  • Pixel 3
  • Pixel 3 XL
  • Emulatore Android ufficiale

Questo è il quarto anno consecutivo in cui Google ha rilasciato la prima anteprima per sviluppatori della successiva versione di Android a marzo: Android N (che poi ha preso il nome di Android Nougat), Android O (Android Oreo) e Android P (Android Pie). Negli ultimi due anni, Google non ha utilizzato il programma Android Beta, che consente di ottenere prima la build Android tramite aggiornamenti over-the-air su determinati dispositivi, ma le cose cambiano di nuovo con Android Q e Google ha reso la prima anteprima disponibile come beta, non solo come anteprima per sviluppatori. Ciò indica che Android Q è pronto per essere testati dai primi utenti disponibili, oltre agli sviluppatori. Questa versione di anteprima sarà chiamata Android Q fino a quando Google sceglierà un nome che inizia con tale lettera.

android-q-beta

Negli anni passati, Google ha atteso fino alla seconda anteprima per sviluppatori prima di renderla disponibile su più telefoni ed è probabile che il percorso rimanga invariato. La prima anteprima per sviluppatori di Android Q è, tuttavia, tecnicamente disponibile su più telefoni (sei pixel anziché quattro).
Con Android P, la caratteristica che spiccava di più nella prima anteprima per sviluppatori era il supporto per le notch e altri ritagli affini dello schermo. Lo stesso sarebbe probabilmente avvenuto per Android Q in merito ad eventuali dispositivi pieghevoli, ma Google ha svelato il supporto nativo per i pieghevoli a novembre.

Android Q Beta 1: i punti salienti

Ecco, in breve, i primi punti salienti di Android Q Beta:

  • ulteriori funzionalità di privacy e sicurezza
  • miglioramenti per i pieghevoli
  • nuove API di connettività
  • nuovi codec multimediali e funzionalità della fotocamera
  • estensioni NNAPI
  • supporto Vulkan 1.1
  • avvio più rapido delle app

Funzionalità di Android Q Beta 1

Non sei soddisfatto della versione breve? Ecco la versione più lunga di tutte le nuove API e funzionalità (e ce ne sono altre a venire, questa è solo la prima beta, dopo tutto):

Ubicazione del dispositivo

Maggiore controllo per gli utenti in merito a quando le app possono ottenere la posizione, anche quando l’app non è in uso (in background). Gli utenti potranno autorizzare le app a non vedere mai la loro posizione, a vederla solo quando l’app è in esecuzione, o sempre (anche in background).

Archiviazione finalistica

Maggiore controllo sull’accesso ai file condivisi. Gli utenti saranno in grado di controllare l’accesso delle app a foto, video e raccolte audio tramite nuove autorizzazioni. Per i download, le app devono utilizzare il selettore di file di sistema, che consente all’utente di decidere quali file di download possono accedere all’app. Gli sviluppatori dovranno anche cambiare il modo in cui le app utilizzano le aree condivise dello storage esterno.

Avvio delle attività in background

Riduzione delle interruzioni, come app che saltano inaspettatamente in primo piano. Le app non potranno avviare attività in background. Gli sviluppatori saranno comunque in grado di attirare l’attenzione dell’utente rapidamente, ad esempio per le chiamate in arrivo o gli allarmi, con una notifica ad alta priorità o segnalazioni a schermo intero.

ID dati utente

Limitazione all’accesso a identificatori di dispositivi non resettabili, inclusi IMEI, numero di serie e identificatori simili. Android Q, inoltre, randomizza l’indirizzo del MAC del dispositivo quando è connesso a reti Wi-Fi diverse per impostazione predefinita (opzionale in Android 9 Pie).

Pieghevoli e nuovi schermi innovativi

Le app saranno in grado di trarre il massimo vantaggio da questi e altri dispositivi a schermo grande. Le modifiche a onResume e onPause supportano il multi-resume. L’attributo resizeableActivity ora aiuta a gestire il modo in cui l’app viene visualizzata su schermi pieghevoli e di grandi dimensioni.

Scorciatoie di condivisione

Condivisione più rapida con altre app. La condivisione di scorciatoie, che consente agli utenti di passare direttamente a un’altra app per condividere contenuti, si sta velocizzando. Gli sviluppatori possono pubblicare target di condivisione che avviano un’attività specifica nelle loro app con contenuti allegati. L’API ShortcutInfo ora è supportata nella nuova libreria ShareTarget AndroidX.

Pannello delle impostazioni

Mostra le impostazioni di sistema principali direttamente nel contesto di un’app. La nuova API del Pannello impostazioni utilizza la funzionalità Slice introdotta in Android 9 Pie per offrire agli utenti un’interfaccia utente mobile con le relative impostazioni di sistema (come Wi-Fi, modalità aereo, dati mobili, NFC e volume audio). Non c’è bisogno di lasciare l’app.

Permessi di connettività, privacy e sicurezza

Per Bluetooth, cellulare e Wi-Fi, sarà richiesta l’autorizzazione alla posizione FINE. Verranno inoltre inclusi il supporto standard Wi-Fi, WP3 e OWE, per migliorare la sicurezza delle reti domestiche e di lavoro e delle reti pubbliche/aperte.
Connettività peer-to-peer e internet migliorata: lo stack Wi-Fi è stato rifattorizzato per migliorare la privacy, le prestazioni e i casi d’uso comuni come la gestione dei dispositivi IoT e suggerire connessioni a internet. Le API di connessione di rete aiuteranno le app ad avviare le richieste di connessione indirettamente, specificando SSID e BSSID preferiti come WiFiNetworkSpecifiers. Le API di suggerimento di rete consentiranno alle app di avviare le connessioni indirettamente fornendo un elenco di reti e credenziali come WifiNetworkSuggestions. Android Q gestirà la scansione Wi-Fi stessa, visualizzerà le reti corrispondenti in un selettore Wi-Fi e si connetterà in base alle prestazioni passate quando ci si trova nel range di tali reti.

Modalità per le prestazioni del Wi-Fi

Le modalità ad alte prestazioni e bassa latenza consentiranno agli svilppatori di richiedere il Wi-Fi adattivo richiamando WifiManager.WifiLock.createWifiLock () con WIFI_MODE_FULL_LOW_LATENCY o WIFI_MODE_FULL_HIGH_PERF. Google si aspetta che questi siano utili per giochi in tempo reale, chiamate vocali attive e casi d’uso simili.

Formato di profondità dinamica per le foto

Le app possono richiedere un’immagine di profondità dinamica costituita da metadati JPEG, XMP relativi agli elementi relativi alla profondità e una mappa di profondità incorporata nello stesso file. La richiesta di un’immagine JPEG + Dynamic Depth consente agli sviluppatori di offrire sfocature specializzate, opzioni bokeh o utilizzare i dati per creare immagini 3D e supportare casi d’uso della fotografia AR. La profondità dinamica sarà un formato aperto per l’ecosistema Android.

Nuovi codec audio e video

Supporto per codec video open source AV1, codifica audio con Opus e HDR10+ per video ad alta gamma dinamica. L’API MediaCodecInfo consente di determinare le funzionalità di rendering video di un dispositivo Android (utilizzare VideoCodecCapabilities.getSupportedPerformancePoints () per ottenere un elenco di dimensioni e frame rate supportati).

API MIDI nativa

Questa API consente alle app che eseguono l’elaborazione audio in C++ di comunicare con dispositivi MIDI tramite NDK. Consente di recuperare i dati MIDI all’interno di una callback audio utilizzando una lettura non bloccante, consentendo l’elaborazione a bassa latenza dei messaggi MIDI.

ANGLE on Vulkan

Supporto sperimentale per ANGLE, un livello di astrazione grafica progettato per la compatibilità OpenGL ad alte prestazioni su Vulkan. Le app e i giochi che utilizzano OpenGL ES saranno in grado di sfruttare le prestazioni e la stabilità di Vulkan e trarre vantaggio da un’implementazione coerente e indipendente dal produttore di ES. Android Q supporterà OpenGL ES 2.0 e ES 3.0 verrà supportata in seguito.

Vulkan dappertutto

Google sta collaborando con partner produttori di dispositivi per rendere Vulkan 1.1 un requisito su tutti i dispositivi a 64 bit con Android Q e versioni successive e una cosa raccomandata su tutti i dispositivi a 32 bit. Vulkan diventerà quindi un’API grafica uniforme ad alte prestazioni per applicazioni e giochi.

API 1.2 per Reti Neurali

60 nuove operazioni tra cui ARGMAX, ARGMIN, LSTM quantizzato, insieme a una gamma di ottimizzazioni delle prestazioni. Questo accelera una gamma molto più ampia di modelli, come quelli per il rilevamento di oggetti e la segmentazione dell’immagine. Google sta lavorando con fornitori di hardware e framework di apprendimento automatico come TensorFlow per ottimizzare e distribuire il supporto per NNAPI 1.2.

ART performance

Miglioramenti al runtime ART che aiuta le app ad avviarsi più velocemente e a consumare meno memoria. La raccolta dei “rifiuti” in generale è stata resa più efficiente in termini di tempo e CPU, aiutando le app a funzionare meglio su dispositivi di fascia bassa.

BiometricPrompt

È stata estesa ai metodi di autenticazione passiva come face, oltre ai flussi di autenticazione impliciti ed espliciti. Google ha anche migliorato il fallback per le credenziali del dispositivo quando necessario.

Il supporto per TLS 1.3

È stato aggiunto e abilitato per impostazione predefinita per tutte le connessioni TLS. Google afferma che i suoi benchmark indicano che le connessioni sicure possono essere stabilite fino al 40% più velocemente con TLS 1.3 rispetto a TLS 1.2.

Compatibilità fra API pubbliche

Google sta limitando l’accesso a più interfacce non SDK e chiedendo agli sviluppatori di utilizzare invece gli equivalenti pubblici. Le restrizioni riguardano solo le app che hanno come target Android Q. Utilizza il metodo StrictMode detectNonSdkApiUsage () per avvisare quando l’app accede ad API non SDK tramite reflection o JNI.

Android moderno

Google Play richiederà targetSdkVersion impostato su 28 (Android 9 Pie) nelle nuove app e negli aggiornamenti entro la fine dell’anno. Android Q avviserà gli utenti con una finestra di dialogo quando eseguono per la prima volta un’app indirizzata a una piattaforma prima del livello API 23 (Android Marshmallow). Inoltre, entro la fine dell’anno, Google Play richiederà il supporto a 64 bit a tutte le app.

Agenda della beta di Android Q

L’obiettivo della prima beta è far sì che i primi utenti e sviluppatori provino presto la build in modo da poter esplorare nuove funzionalità e API per le app, testare la compatibilità e fornire feedback prima che altri dettagli vengano condivisi all’I/O del 2019, in programma a maggio, dal 7 al 9. Altre nuove funzionalità verranno rilasciate nelle beta successive.

L’anno scorso ci sono state cinque anteprime per gli sviluppatori (quattro beta).
Quest’anno, Google sta pianificando sei beta in totale.
Ecco il programma delle beta

  • Marzo: Beta 1 (versione iniziale, beta)
  • Aprile: Beta 2 (aggiornamento incrementale, beta)
  • Maggio: Beta 3 (aggiornamento incrementale, beta)
  • Giugno: Beta 4 (API finali e SDK ufficiale, Play publishing, beta)
  • Beta 5 (release candidate per i test)
  • Beta 6 (release candidate per il test finale)

Q3: versione finale per AOSP ed ecosistema

Google sta chiedendo agli sviluppatori di rendere le loro app compatibili con Android Q in modo che gli utenti possano aspettarsi una transizione senza problemi durante l’aggiornamento. Se trovi qualche bug, puoi segnalarlo qui (https://developer.android.com/preview/bug).


Google lancia Android Q Beta 1, download e funzioni - Ultima modifica: 2019-03-15T15:02:40+00:00 da Francesco Marino

Giornalista esperto di tecnologia, da oltre 20 anni si occupa di innovazione, mondo digitale, hardware, software e social. È stato direttore editoriale della rivista scientifica Newton e ha lavorato per 11 anni al Gruppo Sole 24 Ore. È il fondatore e direttore responsabile di Digitalic

IQ Test reti aziendali

Non rimanere indietro, iscriviti ora

Ricevi in tempo reale le notizie del digitale

Iscrizione alla Newsletter

controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy

Grazie! Ora fai parte di Digitalic!