Contenuti vietati su Instagram: regole più rigide, scopri cosa cambia

Instagram è la patria di un sacco di modelli scarsamente vestiti e meme borderline che potrebbero iniziare a ottenere meno visualizzazioni a partire da adesso

Il regolamento di Instagram diventa più rigido e aumentano i contenuti vietati, Instagram estende quelli che vengono definiti contenuti declassati, ovvero contenuti che non violano direttamente il regolamento Instagram, ma che il social non approva, si tratta di immagini che ad esempio non presentano nudità ma che sono comuanue sessualmente esplicite.     Instagram ha detto: “abbiamo iniziato a ridurre la diffusione di messaggi che sono inappropriati, ma non vanno contro le norme della community di Instagram”.

Ciò significa che un post, se è sessualmente suggestivo, ma non descrive un atto sessuale o non contiene nudità, potrebbe essere ancora disponibile, ma potrebbe essere retrocesso, declassato. Allo stesso modo, se un meme non costituisce istigazione all’odio o molestia, ma è considerato di cattivo gusto, osceno, violento o doloroso per alcuni, potrebbe ottenere meno visibilità.

 

contenuti vietati Instagram regole

Oltre ai contenuti vietati su Instagram introduce i contenuti declassati, che non vengono rimossi, ma ne viene limitata la visibulità

Nuovo regolamento Instagram

La nuova normativa Instagram afferma che “questo tipo di contenuti non potrà essere visualizzato dalla più ampia community in Esplora o pagine di hashtag”, cosa che potrebbe incidere gravemente la capacità dei creatori di tali contenuti di acquisire nuovi follower. La notizia è arrivata in mezzo a un’inondazione di annunci di “integrità” da parte di Facebook per salvaguardare la sua famiglia di app in un evento stampa presso la sede dell’azienda a Menlo Park.

Abbiamo iniziato a utilizzare il machine learning per determinare se i contenuti pubblicati sono idonei per essere raccomandati alla nostra community”, ha affermato il Responsabile di Prodotto di Instagram per Esplora, Will Ruben. Instagram sta ora addestrando i suoi moderatori di contenuti ad etichettare i contenuti borderline, mentre sono a caccia di violazioni delle policy, in modo che Instagram possa quindi utilizzare i tag per addestrare un algoritmo all’identificazione di tali contenuti.

Advertising

Regolamento Instagram: cosa cambia

I contenuti non vietati ma inappropriati per Instagram post non saranno completamente rimossi dal feed e Instagram afferma che per ora la nuova policy non avrà alcun impatto sul feed o sulle Storie di Instagram, ma il manifesto di novembre del CEO di Facebook Mark Zuckerberg ha descritto la necessità di ridurre ampiamente la portata di questi “contenuti borderline”, che su Facebook vorrebbe dire che tali contenuti sarebbero mostrati più in basso nel feed delle notizie. Questa politica potrebbe essere facilmente estesa a Instagram in futuro e questo probabilmente ridurrebbe la capacità dei creatori di raggiungere i loro fan esistenti, il che potrebbe influire sulla loro capacità di monetizzare attraverso post sponsorizzati o traffico diretto.

contenuti instagram

Henry Silverman di Facebook ha spiegato che “quando il contenuto si avvicina sempre più alla linea limite degli standard stabiliti per la community che determina la rimozione, il contenuto viene percepito come più coinvolgente. Non è qualcosa di unicamente relativo a Facebook, ma è inerente alla natura umana.” La policy sui contenuti borderline ha lo scopo di contrastare questo fenomeno.

Questo nuovo meccanismo ha senso se si pensa al fenomeno esteso dei clickbait, le fake news e le molestie online, che nessuno vuole su Facebook o Instagram, ma quando si tratta di contenuti a tema sessuale, seppur non espliciti, cosa che è stata lungamente parte integrante dei contenuti diffusi su Instagram, si tratta di un significativo passo in avanti nella censura su Facebook e Instagram.

Instagram linee guida per i contenuti

I creator al momento non dispongono di precise linee guida su ciò che costituisce un contenuto inappropriato, in questo senso il regolamento Instagram non è chiaro e non c’è nulla nelle regole o nelle condizioni di uso di Instagram che menzioni anche contenuti non raccomandabili. L’unica informazione che Instagram ha fornito è stata ciò che ha condiviso nell’evento in cui ne ha parlato. L’azienda ha però, poi, precisato che contenuti violenti, grafica scioccante, elementi sessualmente suggestivi, disinformazione e contenuti di spam possono essere tutti considerati “non raccomandabili” e, pertanto, non appariranno facilmente in Esplora o nelle pagine legate agli hashtag.

contenuti borderline instagram

oltre ai contenuti vietati l’incognita al momento è se la riduzione di visibilità dei contenuti borderline sarà estesa anche ai feed e alle Storie di Instagram e come i contenuti verranno classificati, se raccomandabili o meno. Con il coinvolgimento dell’intelligenza artificiale, il meccanismo potrebbe trasformarsi in un’altra situazione in cui Facebook si sottrae alle sue responsabilità in favore dell’efficienza algoritmica, ma, questa volta, rimuovendo o riducendo il contenuto in maniera forse eccessiva, piuttosto che incorrere in problemi ulteriori.

Data la mancanza di chiare policy da evidenziare, la natura soggettiva di decidere ciò che è offensivo ma non illecito, l’enormità numerica di 1 miliardo di utenti di Instagram e i suoi nove anni di consenso alla pubblicazione di contenuti adesso potenzialmente “non raccomandabili”, ci saranno sicuramente reclami e dibattiti su un’applicazione corretta e coerente di questo nuovo sistema.


Contenuti vietati su Instagram: regole più rigide, scopri cosa cambia - Ultima modifica: 2019-04-18T11:46:35+00:00 da Francesco Marino

Giornalista esperto di tecnologia, da oltre 20 anni si occupa di innovazione, mondo digitale, hardware, software e social. È stato direttore editoriale della rivista scientifica Newton e ha lavorato per 11 anni al Gruppo Sole 24 Ore. È il fondatore e direttore responsabile di Digitalic

Zyxel Channel HUB

Non rimanere indietro, iscriviti ora

Ricevi in tempo reale le notizie del digitale

Iscrizione alla Newsletter

controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy

Grazie! Ora fai parte di Digitalic!