Huawei Mate 20 Pro ha il sensore di impronte digitali sullo schermo

Huawei Mate 20 Pro è il primo smartphone con scanner incorporato nello schermo insieme allo sblocco con il riconoscimento 3D del volto

Huawei Mate 20 Pro il telefono Android ricco di funzionalità è disponibile, lanciato ufficialmente insieme a Huawei Mate 20. Per la prima volta ha lo scanner incorporato nello schermo insieme allo sblocco con il riconoscimento 3D del volto. 

Huawei Mate 20 Pro il nuovo dispositivo top-end dell’azienda cinese punta a posizionarsi ai vertici del mercato insieme a Samsung, avendo recentemente battuto Apple nel diventare il secondo produttore di smartphone, secondo i dati di vendita dello scorso agosto.

Huawei Mate 20 Pro

Le caratteristiche di Huawei Mate 20 Pro

Il nuovo Mate 20 Pro di Huawei ha uno schermo enorme, tre fotocamere sul retro e uno scanner di impronte digitali incorporato nel display.

Il Mate 20 Pro prosegue nel formato testato e affidabile di Huawei: un enorme schermo OLED da 6,39 pollici QHD+, una capiente batteria da 4.200 mAh e il nuovo potente processore Huawei Kirin 980: il primo Huawei ad essere prodotto a 7 nanometri, corrispondente all’ultimo chip A12 di Apple per gli iPhone del 2018.

Advertising

Novità per quest’anno è un sistema di riconoscimento facciale a infrarossi 3D, simile a quello utilizzato da Apple per il suo Face ID nell’iPhone XS, e uno dei primi scanner di impronte digitali incorporati nello schermo, eliminando la necessità di uno scanner di impronte digitali sul retro o un dorso sul davanti.

Il Mate 20 Pro è resistente all’acqua con standard IP68 e ha un design nuovo ed elegante che ricorda i telefoni della serie S di Samsung, con vetro curvo sul davanti e sul retro.

Sul retro c’è una nuova versione del pluripremiato sistema di telecamere triple di Huawei che utilizza una fotocamera standard da 40 megapixel, una fotocamera teleobiettivo da 8 megapixel con zoom ottico 3x e, novità di quest’anno, una fotocamera ultra-grandangolare da 20 megapixel, in sostituzione del sensore monocromatico utilizzato sul P20 Pro.

“L’obiettivo monocromatico dell’anno scorso è stato a malapena utilizzato, quindi l’abbiamo sostituito con la fotocamera grandangolare”, ha affermato l’azienda; “ora si può scattare foto davvero epiche con grandangolo, con la fotocamera che esegue automaticamente lo zoom in avanti o indietro, riconoscendo quando si sta provando a scattare una foto di un cane o di un gatto o qualcosa che esteticamente potrebbe beneficiare di uno scatto più ampio , oppure si può premere manualmente il pulsante dello zoom”.

Huawei Mate 20 Pro sarà anche il primo telefono Huawei con l’ultimissimo EMUI 9, basato su Android 9 Pie, che è stato ottimizzato per accelerare significativamente le usuali attività.

Huawei Mate 20 Pro

Huawei Mate 20 Pro a confronto con Mate 10

Huawei ha affermato che, rispetto al Mate 10 con EMUI 8, il nuovo Mate 20 Pro sarà in grado di avviare le applicazioni il 51% più velocemente, rispondere ai tap il 47% più velocemente ed è più fluido durante tutto il funzionamento del dispositivo. L’azienda ha anche affermato che, durante i test, il Mate 20 Pro ha avviato le app fino a 400 millisecondi più velocemente del suo rivale principale Galaxy Note 9 di Samsung, avviando, ad esempio, Chrome il 43%, Google Maps il 27% e Facebook il 25% più velocemente.

Le altre novità annunciate

Oltre al Mate 20 Pro, Huawei ha lanciato anche un meno costoso Mate 20 senza il riconoscimento facciale e lo scanner incorporato per impronte digitali e un nuovo smartwatch focalizzato sulla fitness che utilizza il proprio marchio LiteOS, chiamato Huawei Watch GT.

Questi nuovi dispositivi saranno di grande interesse per rivaleggiare con gli altri produttori di smartphone. I dispositivi Huawei P20 (P20 Pro, P20 e P20 Lite) hanno già conquistato quote sostanziali in mercati chiave come Europa e Asia/Pacifico e sono stati bloccati solo negli Stati Uniti a causa del divieto sui prodotti Huawei avvenuto lo scorso 2018.

Secondo Wood, Huawei ha venduto 95 milioni di smartphone nei primi sei mesi del 2018, con una crescita annua del 30%.

Le funzionalità delle videocamere sembrano quindi essere la caratteristica principale di questi nuovi dispositivi, in particolare per il Mate 20 Pro. Se sarà in grado di replicare le prestazioni del P20 Pro, sottolineerà ulteriormente la crescita di Huawei come produttore di fotocamere per smartphone.

Huawei Mate 20 Pro


Huawei Mate 20 Pro ha il sensore di impronte digitali sullo schermo - Ultima modifica: 2018-10-18T08:00:50+00:00 da Francesco Marino

Giornalista esperto di tecnologia, da oltre 20 anni si occupa di innovazione, mondo digitale, hardware, software e social. È stato direttore editoriale della rivista scientifica Newton e ha lavorato per 11 anni al Gruppo Sole 24 Ore. È il fondatore e direttore responsabile di Digitalic

Non rimanere indietro, iscriviti ora

Ricevi in tempo reale le notizie del digitale

Iscrizione alla Newsletter

controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy

Grazie! Ora fai parte di Digitalic!