Facebook Datagate: gli 87 milioni di utenti di Facebook in tutto il mondo scopriranno presto se i loro dettagli sono stati condivisi con Cambridge Analytica in una delle più grandi violazioni dei dati sul social network.

Facebook Datagate, gli 87 milioni di utenti coinvolti verranno contattati e avvisati

L’azienda ha detto che gli utenti interessati riceveranno un messaggio dettagliato sui loro feed di notizie. La maggior parte di coloro le cui informazioni sono state condivise con l’azienda di analisi dei dati – circa 70 milioni – sono negli Stati Uniti, ma anche in Europa non mancano casi eclatanti.

A quanto pare, più di 200.000 account italiani sono stati impattati dalla violazione illegittima e oltre 1 milione di account del Regno Unito.

Facebook Datagate: avvisi a tutti a 2,2 miliardi di utenti

Tutti i 2,2 miliardi di utenti di Facebook riceveranno un avviso intitolato “Protezione delle informazioni” con un collegamento per vedere quali app usano e quali informazioni sono state condivise con tali app. Saranno in grado di chiudere le app individualmente o disattivare l’accesso di terze parti.

La scelta di Facebook deriva direttamente dagli scandali legati a Cambridge Analytica, rivelati dal l’Observer, che ha reso notoalcuni giorni fa che Cambridge Analytica, che ha lavorato con il team elettorale di Donald Trump, ha acquisito i dati di milioni di profili di cittadini statunitensi e ha utilizzato i dati per costruire un programma software per prevedere e influenzare gli elettori.

Facebook Datagate i dati raccolti

Facebook ha scoperto che le informazioni erano state raccolte alla fine del 2015, ma non ha, a suo tempo, avvisato gli utenti coinvolti.

Le informazioni sono state raccolte attraverso un’app chiamata thisisyourdigitallife, realizzata dal ricercatore accademico Aleksandr Kogan della Cambridge University in collaborazione con Cambridge Analytica.

Centinaia di migliaia di utenti sono stati pagati per sostenere un test della personalità e hanno acconsentito a raccogliere i propri dati. L’app raccoglieva anche informazioni sugli amici dei partecipanti.

Facebook Datagate “È colpa mia ” ha detto Mark Zuckerberg

L’amministratore delegato di Facebook, Mark Zuckerberg, che ha testimoniato davanti al Congresso questa settimana, ha riconosciuto di aver commesso un “errore enorme” nel non riuscire a dare una visione sufficientemente ampia delle responsabilità dell’azienda.

L’informatore di Cambridge Analytica, Christopher Wylie, aveva precedentemente stimato che oltre 50 milioni di persone erano state compromesse per via dal test della personalità.

Facebook Datagate

Facebook Datagate: “così abbiamo sfruttato i dati degli utenti”

In un’intervista trasmessa domenica su Meet the Press della NBC, Wylie ha dichiarato che il numero reale potrebbe essere addirittura superiore agli 87 milioni. Egli ha affermato: “so che Facebook sta iniziando a prendere provvedimenti per correggere le cose e iniziare a scoprire chi ha avuto accesso e dove potrebbe essere andato, ma alla fine non è una gran cosa dire che tutti i dati sono andati per sempre.” Il mese scorso, ha detto all’Observer: “abbiamo sfruttato Facebook per raccogliere milioni di profili di persone e abbiamo costruito modelli per sfruttare ciò che sapevamo su di loro e colpire i loro demoni interiori. Questa è la base su cui è stata costruita l’intera azienda”.

Facebook Datagate: il calcolo degli utenti coinvolti

Zuckerberg ha detto che Facebook ha raggiunto la cifra di 87 milioni di utenti coinvolti calcolando il numero massimo di amici che gli utenti avrebbero potuto avere in un dato momento mentre l’app di Kogan stava raccogliendo i dati.

Cambridge Analytica ha insistito la scorsa settimana di avere informazioni di “soli” 30 milioni di utenti di Facebook.

 

IQ Test reti aziendali

Non rimanere indietro, iscriviti ora

Ricevi in tempo reale le notizie del digitale

Iscrizione alla Newsletter

controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy

Grazie! Ora fai parte di Digitalic!